«l’amò e la cantò sino alle soglie dell’eternità […] e quando non aveva da fare, si occupava a fabbricare delle piccole croci, che volentieri distribuiva ed altamente raccomandava».

CULTRERA, Un’abitatrice delle caverne, pag. 70.

Croce diletta e santa

Poesia composta da suor Chiara

croce

Croce diletta e santa,
tu m’ hai ferito il cuore
in segno dell’ amore,
voglio abbracciarmi a te!
O letto nuziale,
luogo del mio riposo,
ove l’Eterno Sposo
la vita consumò.
Cattedra di dolore
ove l’eterna scienza

ai santi la sapienza

e agli umili insegnò.
Deh, vieni Croce amata,

piantati nel cuor mio,

acciò da te mio Dio,
non mi divida alcun.

Deh, non lasciarmi sola,

neppure per un istante
e stammi sempre accanto

e notte e giorno ancor.

Ed io sarò contenta,
quando su questo letto,

insieme al mio Diletto
la vita finirò!

Commenta: