Suor Chiara Francesca di Gesù Agonizzante (Adelaide Di Mauro)

Il processo canonico

Suor Chiara in vita – ma anche dopo morta – non ricevette unanimità di consensi; le opinioni su di lei si divisero fra quanti la considerarono un’autentica espressione di santità e quanti la reputarono una visionaria; così, ancor oggi, non cessa di essere una testimonianza difficile da comprendere agli occhi del secolo; lo dimostrano le avversità della sua vita, la lunga attesa per la causa di Beatificazione, poi l’apertura del processo canonico e l'attesa della sua definizione.

Dalla morte di suor Chiara all’apertura della causa di Beatificazione trascorrono cinquantuno anni; da questo si comprende come nel cuore dei fedeli sia rimasto vivo il ricordo della “monaca santa” . Non deve stupire il fatto che l’apertura della causa canonica non sia avvenuta nell’immediatezza della morte della suora: nei suoi confronti, infatti, sia in vita sia dopo la sua morte, vi furono forti contrasti tra il clero, e alcuni tentarono di «svalutarne la virtù e di oscurarne la fama». Ma, ad onta del tempo trascorso e dei contrasti sorti tra chi ne attendeva la beatificazione e quanti, invece, la consideravano solo una squilibrata, il 16 luglio 1983, fu decretata dall’arcivescovo Calogero Lauricella l’introduzione della causa di Beatificazione e Canonizzazione. Delle spese necessarie se ne fece carico la sig.ra Giuseppina Sirchia, vedova Leone, che fu anche tra le principali promotrici per l’inizio del processo.

comesidiventasanti

Commenta:

Contattaci

Email:
Oggetto:
Mssaggio:

Mailing List

Iscrivendoti alla mailing list potrai essere informato su notizie, implementazioni al sito, eventi, pubblicazioni mediatiche.

GRAZIE

Reliquie

team1
team2
team3
team4
team5
team6
team7
team8
team9
team10

Argomenti di attualità cattolica

'

© 2016 Suor Chiara Di Mauro. Tutti i diritti riservati.