Suor Chiara Francesca di Gesù Agonizzante (Adelaide Di Mauro)

Santa Lucia e suor Chiara

Lucia e Chiara. Un cammino di fede e speranza tra le strade di Siracusa

santa Lucia

Così come santa Lucia, anche suor Chiara fece della sua vita un dono costante al Signore ed anche a lei fu chiesto di immolarsi per la sua città. Il suo pensiero e le sue preghiere furono spesso rivolte alla città di Siracusa, sollecitata in questo anche dalle esortazioni della Vergine Maria: «mio Figlio si lamenta delle anime di Siracusa»; e ancora: «mio Figlio piange amaramente per i sacerdoti di Siracusa; la vittima sei tu, ricordi?»[1].

Anche negli ultimi giorni della sua vita suor Chiara dedicò un pensiero all’amata Siracusa:

«Madonnina mia. Mammina Celeste. O dolce Regina. Aiutami a soffrire ancora di più. Che tutti si salvano. Che nessuno perisca. Che le mie sofferenze non vadano perdute. Benedico tutta Siracusa. Benedico il Seminario, Benedico a tutti fino ai confini: o fortunata Siracusa!»[2].

Durante l’estasi del 19 maggio 1932 la Serva di Dio formulò questa bella invocazione: «Oh! Anime fortunate di Siracusa! Vi benedico nel Signore!... Che nessuno perisca! … Oh! Anime fortunate vi benedico nel Signore … Ah! Sì, brilla la luce, un faro risplende! Siracusa sia sempre benedetta!»[3].

 Guarigioni della vista

{title} {text}

 

{title} {text}

 

{title} {text}

[1] Cultrera, Vita storica di Suor Clara, f. 316.

[2] Idem, f. 330.

[3] Idem, f. 453.

Contattaci

Email:
Oggetto:
Mssaggio:

Mailing List

Iscrivendoti alla mailing list potrai essere informato su notizie, implementazioni al sito, eventi, pubblicazioni mediatiche.

GRAZIE

Reliquie

team1
team2
team3
team4
team5
team6
team7
team8
team9
team10

'

© 2016 Suor Chiara Di Mauro. Tutti i diritti riservati.